TERRITORIO

TERRITORIO

IL CASTELLO

Sorto nel XII secolo in cima a una rocca in posizione strategica sulla Valle di Scuropasso e inaugurato nell’anno 1212, durante il medioevo il Castello di Cigognola ebbe funzione difensiva e di controllo dei traffici sulla vicina Via Emilia. Con la fine del feudalesimo, divenne prestigiosa corte rinascimentale, dimora delle più prestigiose famiglie nobiliari. All’inizio dell’800, fu trasformato in un importante centro di promozione vitivinicola. Nella stessa epoca, il proprietario Carlo Arnaboldi fece edificare sui resti dell’antico maniero una delle più sorprendenti creazioni del neogotico con merlature ghibelline, la torre, le decorazioni dei portali, gli stemmi. Agli inizi del ‘900, gli interni vennero arricchiti con arredi déco. Il Castello è stato recentemente restaurato dagli attuali proprietari Gianmarco e Letizia Moratti.

Il Castello visse un’intensa vita culturale. Nel salotto letterario di Mimmina Brichetto Arnaboldi si potevano incontrare personaggi come Croce, Montale, Quasimodo e Bacchelli.


LA TERRA

Il Castello di Cigognola condivide col Piemonte e Bordeaux la posizione sul 45° parallelo, la migliore fascia territoriale per la coltivazione della vite. Trentatre ettari vitati, su un territorio collinare situato a circa 400 metri sul livello del mare, su appezzamenti con forte pendenza, terreni a medio impasto tendente all’argilloso, con scarsa presenza di scheletro. Le diverse esposizioni consentono ai raggi del sole di portare a una maturazione ottimale gli acini d’uva. Il microclima è eccezionale: temperature miti con scarse precipitazioni, inverni non eccessivamente rigidi, forte escursione termica tra il giorno e la notte, alto livello d’illuminazione, giusta umidità e una leggera brezza presente durante tutto l’anno che svolge un’importante funzione protettiva. La conoscenza del terroir è il più importante punto di partenza. Il suo studio permette di identificare i vitigni che meglio riusciranno a tirar fuori il carattere e la personalità di un territorio e dei suoi frutti.


OLTREPO’