storia di famiglia

Le famiglie Arnaboldi, Brichetto e Moratti sono molto legate a questa residenza ancestrale, dove hanno celebrato e celebrano le proprie ricorrenze e occasioni conviviali.

Una discendenza che attraverso generazioni successive intrattiene un rapporto speciale con questa casa dalle radici remote, densa di bellezza, di emozioni ed affetti.

Il vino, la produzione enologica, è il filo ideale che connette tutto questo racconto che attraversa epoche, retaggi e suggestioni per arrivare fino a noi. Oggi è Gabriele Moratti a condurre l’azienda vinicola di Cigognola, alla quale ha impresso una svolta decisiva.

Alto su una collina dell’Oltrepò pavese e dominante una trama di splendide vigne, il castello si apre al panorama della valle di Scuropasso, che in origine controllava come baluardo difensivo. La fondazione risale certamente a periodi più remoti, ma le prime notizie documentate risalgono alla metà del XIII secolo.

Durante il medioevo, la rocca, grazie alla sua posizione strategica verso l’Emilia, venne contesa da casati feudali quali i Sannazaro e i Visconti, per poi trasformarsi in corte umanistica nell’età rinascimentale.

Nel XIX secolo, don Carlo Arnaboldi-Gazzaniga, patriota risorgimentale e filantropo, seguendo la moda del tempo, rimaneggia quanto restava della struttura medievale in chiave neogotica, aggiungendovi merlature ghibelline, decorazioni nei portali, stemmi e vari elementi decorativi ogivali.